Home | About | Filosofia | Contatti

Casa Vicina

Casa Vicina per Eataly

Indirizzo: Via Nizza, 230/14 10126 Torino Lingotto Piemonte Tel. e Fax +39 011.19506840 Email: casavicina@libero.it Sito web: www.casavicina.it Aperto: a pranzo e a cena Giorni di chiusura: lunedì; domenica sera Tipo di cucina: creativa e del territorio Chef: Claudio Vicina Patry chef: Anna Mastroianni Maitre: Stefano Vicina Carte di credito accettate: tutte Tavoli all’aperto: no Ferie: tre settimane ad agosto Prezzo medio: Menu degustazione "d'assaggio" : E. 58 (compresi acqua e un calice di vino) Menu degustazione "del territorio e dei presidi del Canavese": E. 85 Alla carta: 80 euro I giudizi delle Guide L’Espresso 2018: 2 cappelli - Michelin 1 stella Michelin

La ricetta degli chef Tonno di coniglio alla piemontese con giardiniera in agrodolce

Piatti dal Menu

Claudio e Anna Vicina partecipano ad Assaggi di Teatro
 ... 
 ... ...
... ...
... ...
... ...
ristorante

È un viaggio al contrario quello compiuto da Claudio e Anna Vicina, non una fuga ma un avvicinamento alla città, dalla campagna di Borgofranco di Ivrea nel Canavese. La scelta, dopo una prima tappa in via Massena, è caduta sull’orizzonte lontano di via Nizza che va a confondersi nell’ex periferico Lingotto, all’interno dello scrigno gourmet di Eataly. È lunghissima via Nizza, si pensa mentre il taxi sfreccia da un semaforo rosso all’altro: inizia dal corso Vittorio Emanuele II con palazzi e portici e prosegue con gli edifici ferroviari di Porta Nuova sino alla Stella che spicca sul monumento eretto all’incrocio con via Marconi. Ricordo della “promessa patriottica” seguita ai moti del 1821 guidati da Santorre di Santarosa che portarono alla concessione della Costituzione da parte di Carlo Alberto. Un’illusione di libertà che si infranse con l’arrivo di Carlo Felice, la revoca della carta costituzionale e l’intervento degli austriaci. A guardare la stella pare di rivederli i patrioti raccolti nella via per giurare di realizzare, anche a costo della vita, il sogno dell’Italia unita.

Arrivati alla vecchia fabbrica del vermouth Carpano (di settecentesca invenzione) che ospita Eataly, è difficile resistere alla tentazione di curiosare fra gli scaffali prima di scendere alle cantine, superare le stanze di stagionatura, l’enoteca e finalmente oltrepassare la porta a vetri del ristorante. Un luogo di eleganza quasi austera, luci basse, toni neutri piacevolmente vivacizzati dai piatti di Claudio e Anna Vicina che con i loro colori accesi e i sapori ben definiti, illuminano come fuochi d’artificio le ovattate atmosfere. La cucina è di orgogliosa matrice regionale, rielaborata in chiave moderna ed elegante nell’ideazione ed elaborazione dei piatti come nella loro presentazione, molto curata e dai vivaci accostamenti cromatici.

Sembra uscita da un disegno di Andy Warrhol la multistrato Bagna cauda, piatto piemontese per antonomasia, solitamente considerato di non proprio leggera assimilazione e qui destrutturato e reso quasi etereo. Il bicchierino è servito a inizio pasto, come benvenuto e manifesto della cucina di Claudio Vicina, che fa tesoro delle ricette di famiglia per reinterpretarle in chiave moderna e salutistica, lavorando per sottrazione non solo nei tempi di cottura e nella dose di grassi, ma anche negli ingredienti che possono risultare di ostica digestione, aglio in testa. Ne sono gustosi esempi il Tonno di coniglio grigio di Carmagnola servito con giardiniera di verdure agrodolci o l’Insalata russa in versione “domenicale”, con zoccolo morbido di tonno. Assai simpatiche le presentazioni dei piatti: nel primo caso un cilindro di verdure dal quale pare uscire il coniglio insieme alla sua vegetariana dieta e nell’altro una torre costruita con cubetti di verdure legate dalla maionese e con tanto di pennacchio sventolante di carote.

A ribadire che l’aglio qui è bandito come forse solo alla tavola di Dracula ma senza sacrificio di sapori, ecco la saporosa farcia di salsiccia (di produzione dello chef) e parmigiano reggiano 4 mesi del Fiore di zucca, il profumo di carpione delle Polpette, il fondente di porri all’agro della Terrina tiepida di pollo, la delicata salsa verde alleata col fondente di pomodoro negli Gnocchi di seirass. Un altro primo piatto imperdibile per morbidezza e rotondità di sapori sono i panciuti Agnolotti Vecchia Eporedia (Augusta Eporedia è il nome dato dagli antichi romani a Ivrea), chiusi col pizzicotto e lucidi del ricco sugo d’arrosto. La cura per l'ospite trova un naturale proseguimento dalla cucina alla sala in Stefano Vicina che presiede con attenzione ai tavoli. I dolci sono curati da Anna che attinge sia dalla tradizione, come le perfette Pesche ripiene al cioccolato e amaretti, sia da fantasia e stagionalità, come la vivace Gelatina di albicocche decorata dalla rosa fresca cristallizzata e dalla ginevrina di frutta (altra icona della confetteria torinese). Anche la memoria storica del luogo è onorata: nel Sorbetto al Carpenè con sambuco cristallizzato e arancia candita.

© Maria Luisa Basile
Per visualizzare l’immagine intera dei piatti fare click sulle foto oppure qui

 

fotografie © roma-gourmet

 

 

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………