Home | About | Filosofia | Contatti

Del Cambio

Del Cambio

Indirizzo:
Piazza Carignano 2
10123 Torino
Piemonte
Tel. +39 011.546690
Sito web: www.thi.it
Email: cambio@thi.it
Aperto: a pranzo e a cena
Giorni di chiusura: sabato a pranzo; domenica
Tipo di cucina: tradizionale
Chef: Riccardo Ferrero
Direttore: Daniele Sacco
Carte di credito accettate: tutte
Tavoli all’aperto: si
Ferie: agosto
Prezzo medio (bevande escluse):
Alla carta: 90 euro circa
I giudizi delle Guide
L’Espresso 2011
13,5

La ricetta dello chef
Scampi, pesche e salsa al caffè

Piatti dal menu

  • Aperitivo: bollicine di Alta Langa

  • Appetizer: vitello tonnato con cialda al nero di seppia

  • Grissini e pane fatto in casa

  • Gelato di baccalà mantecato e mousse di peperone

  • Culatello e sorbetto di melone

  • Gamberi rossi con pesche e salsa di caffè

  • Coniglio, foie gras, tartufo nero e olio di nocciola

  • Carne cruda, funghi porcini e salsa di gorgonzola

  • Anatra confit su purea di patate alla vaniglia e cioccolato fondente

  • Agnolotti piemontesi al sugo d'arrosto

  • Crème brulée

  • Fruttini gelati ai gusti fico d'india, castagne, kiwi

  • Piccola pasticceria

Lo chef Riccardo Ferrero
partecipa ad Assaggi di Teatro
ristorante

Entrare al Cambio senza provare emozione è impossibile. E non solo per la bellezza intatta degli ambienti abbelliti da specchi, piccoli affreschi, stucchi e imponenti lampadari di cristallo, ma perchè ai piccoli tavoli e ai divanetti in velluto rosso hanno sostato i personaggi che hanno visto nascere l'Italia e alla nuova nazione per primi hanno brindato. Una targa (dorata e sorretta da nastri tricolore) ricorda il tavolo, sempre lo stesso, riservato al conte Cavour; si trova in una posizione strategica che permette di vedere la facciata in mattoni nudi del barocco Palazzo Carignano, allora sede del Parlamento Subalpino. Se vi erano urgenze o il conte doveva rientrare per votare, il segretario esponeva un fazzoletto bianco.

I fantasmi di Cavour, Manzoni, D'Azeglio e di tutta l'aristocrazia sabauda aleggiano benevoli fra le sale, accompagnano i camerieri inappuntabili, accolgono gli avventori moderni e si godono la cucina di Riccardo Ferrero. Non è facile fare cucina in un locale con tanta storia alle spalle. Che si proponga solo la tradizione o che si cucinino piatti innovativi, si scontenta sempre qualcuno. Riccardo Ferrero ha trovato una formula personale puntando sulle ricette piemontesi tradizionali alternate a preparazioni di moderata creatività. Per esempio risulta perfetta la scala di note dolci e caramellate offerta dall'antipasto di scamponi abbinati a pesche e salsa caramellata al caffè. Stuzzicante  e molto raffinata anche la tavolozza composta da coniglio, tartufo nero e cubetti di foie gras: un elegante incontro fra l'aia, il bosco e le raffinatezze di città, legate dall'olio alla nocciola e dalla riduzione di Porto.

Dal capitolo "tradizione" si può scegliere un'ottima carne cruda arricchita da funghi porcini e sostenuta da una piacevole salsa al gorgonzola per nulla invadente. Perfettamente disuguali gli agnolotti: gonfi, sodi, dai bordi dentellati come creste di gallo, preparati a mano con un inedito (per Torino) ripieno di verza e resi saporosi e lucidi dal sugo d'arrosto.

La cacciagione fa capolino dai secondi, nell'anatra confit che può essere servita con una purea di patate alla vaniglia e, in omaggio a uno dei prodotti-simbolo di Torino, generose scaglie di cioccolato fondente. Al dolce la scelta può cadere, invece che sul piemontesissimo bunet, sugli squisiti fruttini gelati alla castagna e al fico d'India e sulle piccole golosità che accompagnano il caffè.
Fuori dal ristorante, usciti nella piccola piazza dominata dalla statua dedicata a Gioberti, c'è l'imbarazzo della scelta: emulare Tolstoj, che visitò con entusiasmo Palazzo Carignano, il luogo dove il Piemonte fu trasofrmato in un più ampio paese e che fu sede del primo parlamento italiano. Oppure sostare sulla panche in legno vicino al Teatro Carignano, inseguendo con l'immaginazione i percorsi compiuti da Eleonora Duse che a Torino soggiornò e recitò spesso. O rifugiarsi fra le mummie... del vicino Museo egizio.

© Maria Luisa Basile

Per visualizzare l’immagine intera dei piatti fare click sulle foto oppure qui

fotografie © roma-gourmet

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………