Home | About | Filosofia | Contatti

Fabio Baldassarre

Lo chef Fabio Baldassarre partecipa con Roma gourmet a
Favole in Tavola
Assaggi di Teatro

Fabio Baldassarre interpreta per Favole in Tavola Pinocchio di Collodi con… Pera, e acciughe
Fabio Baldassarre interpreta per Assaggi di Teatro Bartleby lo scrivano di Melville con… Sandwich di scampi, tacchino, zenzero


L'altro Mastai

Indirizzo:
Via Giovanni Giraud 53, all’angolo con via dei Banchi Nuovi - 00186 Roma
Quartiere Ponte, Piazza Navona
Tel. +39 06.68301296
Fax +39 06.6861303
Email: restaurant@laltromastai.it
Sito web: www.laltromastai.it
Aperto: solo la sera dalle h. 19.30
Giorno di chiusura: domenica
Tipo di cucina:
creativa e del territorio

Chef: Fabio Baldassarre
Sous-chef: Saverio Fabio Abbattista
Maitre: Adriano Basso
Sommelier: Alessia Meli
Carte di credito accettate: tutte
Tavoli all’aperto: no
Dal 10 settembre 2008 il ristorante L'altro Mastai è chiuso
Prezzo medio (bevande escluse):
Menu degustazione E. 95
Alla carta E. 90-100

I giudizi delle Guide:
L’Espresso 2009:
16 – 1 cappello – il bicchiere
Michelin 2009:
3 forchette e 1 stella Un'ottima tavola nella sua categoria

Gambero rosso 2009:
84 e 2 forchette (cucina 57
cantina 16 – servizio 9
ambiente 8 – bonus 2)

La ricetta dello chef
Ostriche in gelatina di sedano con mele candite e gorgonzola

Piatti dal menu

  • Aperitivo con mandorle ricoperte di polvere di zenzero, crostini al lardo, grissini aromatizzati, polpettine di pecorino e rafano...
  • Appetizer: crema di foie gras e insalatina, pane da lievito madre di 70 anni
  • Gamberi rossi al timo di montagna con gelatina di anguria e ricotta speziata
  • Battuta di carne cruda, gelato di barbabietola e pesche
  • Polenta estiva con tagliatelle di calamari, alghe e merluzzo lardellato
  • Ravioli di testina di maiale in salsa di mascarpone di bufala e caviale
  • Astice arrostito al basilico con pomodoro bianco e rosso e mozzarella di bufala
  • Guancia di vitello brasata con salsa al prezzemolo
  • Dessert: cilindro di cioccolato al latte farcito di crema, quenelle di gelato al lampone, pallina di cioccolato fondente al tè verde, crema e cioccolato bianco, soufflè di cioccolato
Il ristorante L'altro Mastai ha chiuso l'attività
il 10 settembre 2008.
Fabio Baldassarre è per alcuni anni lo chef
del ristorante Unico di Milano e nel 2014 ritorna a Roma con The Corner Townhouse
ristorante

Invitare una persona è occuparsi della sua felicità durante tutto il tempo ch’essa passa sotto il vostro tetto. Così scrive Anthelme Brillat-Savarin nelle celebri Meditazioni di gastronomia trascendente, preso alla lettera da Fabio Baldassarre che nel suo ristorante non lontano dalla rinata piazza dell’Orologio offre un perfetto esempio di accoglienza e ospitalità. Il suo credo è riassunto nelle tre parole dipinte sulla tela rossa di un quadro scelto per le pareti: emozione desiderio piacere. Tutto in questo locale congiura infatti al benessere dell’ospite: accoglienza cordiale e senza svenevolezze, ambienti eleganti, apparecchiature raffinate e cura dei particolari, servizio professionale di uno staff davvero affiatato, interessante carta dei vini. E un menu che, fondendosi con le mille attenzioni riservate ai gourmet, lusinga i sensi.

Siamo all’angolo con l’antica strada pontificia dove il papa transitava in corteo dopo l’investitura e il Mastai in questione è Pio IX, al secolo Giovanni Maria Mastai Ferretti, l’ultimo papa re. “Non sono profeta, ma vi assicuro che in Roma non entrerete" tuonava contro Vittorio Emanuele nel settembre 1870, ma invece del miracolo arrivò la breccia di Porta Pia che cambiò tutto. Una metamorfosi mal accettata dal papa, tanto che Carducci ironicamente gli rivolse i noti versi “Vieni: a la libertà brindisi io faccio: Cittadino Mastai, bevi un bicchiere”. Al brindisi si ispirava l’insegna dell’enoteca - ormai chiusa - Il bicchiere di Mastai dalla quale il ristorante si è voluto distinguere chiamandosi L’altro Mastai. Fabio Baldassarre nasce in una famiglia di cuochi di origini abruzzesi e l’insieme di gusti, profumi e sapori che compongono l’immaginario della cucina mediterranea trova un’eco felice nelle sue preparazioni, caratterizzate ora da accostamenti armonici ora da giochi di contrasti, ma sempre equilibrate. Le esperienze maturate nei periodi di lavoro trascorsi in Germania e Inghilterra (con maestri del peso di Heinz Winkler, Raymond Blanc o Heinz Beck a Roma), si traducono oggi in una cucina fra le più interessanti della città capitolina, capace di attingere ai sapori delle antiche ricette e di ottenere piatti ricchi di carattere e sfumature. Mai statica eppure solida. Sicura ma in continuo arricchimento. I piatti, preparati con materie prime di assoluta freschezza cercate personalmente nei mercati preferiti, rivelano dedizione, curiosità, ricerca. Un’armonia spesso perfettamente raggiunta, come testimoniano la guancia di vitello brasata, all’apice dei sapori, o i ravioli di testina di maiale, la cui delicatezza è ampliata dalla salsa di mascarpone di bufala, senza dimenticare il gioco di rimandi golosi fra il gelato di barbabietola e la battuta di carne cruda di manzo alla quale è accostato. L’arguto Giacomo A. Dente elogia su il Messaggero (28 ottobre 2005) l’equilibrio che caratterizza la cucina di Fabio Baldassarre, “in un gioco di forza e leggerezza come il settecentesco soffiatore di bolle di sapone di Jean-Siméon Chardin”. Decisamente altro sapore rispetto alle bolle (di scomunica) del cittadino Mastai.

© Maria Luisa Basile 2007 – riproduzione vietata

“F. ha portato del pane che ha fatto. I cibi e la tavola sono solidi, invitanti, gustosi. Perfino nostalgici se confrontati con tutto il resto, con ciò che esiste e si trova fuori…” Raymond Carver, Cattedrale

 
 

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………