Home | About | Filosofia | Contatti

Dylan Dog alla mia tavola

Giuda Ballerino!

Indirizzo:
Via Appio Claudio 344-348
00174 Roma
Quartiere Tuscolano
Tel. e Fax +39 06.71584807
Email: ristorante@giudaballerino.it
Sito web: www.giudaballerino.it
Aperto: sempre
Giorni di chiusura: mercoledì,
a pranzo aperto solo da venerdì a domenica
Tipo di cucina: creativa
Chef: Andrea Fusco
Sommelier: Mariana Alverdi
Carte di credito accettate:
tutte
Tavoli all’aperto: si
Ferie: in agosto
2 Menu Degustazione
Alla carta: E. 60
Costo della corsa in taxi dalla Stazione Termini al ristorante: 15-17 euro

I giudizizi delle Guide
Michelin 2011
1 stella Michelin

L’Espresso 2011
14.5
Gambero rosso 2010
79 e 1 forchetta (cucina 54
cantina 16 – servizio 7 – bonus 2)
Segnalato da Identità golose

Menu gustato

  • Appetizer e Champagne
  • Spiedini di gamberi in pasta fillo con spuma di mortadella
  • Fiori di zucca in tempura e in pastella con ricotta, bottarga e alici su salsa di mozzarelladi bufala
  • Crema di asparagi con baccalà e spaghetti d’uovo
  • Pappardelle alle animelle, carciofi e pistacchi
  • Tortelli di asino su salsa di fave e pecorino con colatura di alici
  • Coscia d’anatra arrosto con scaloppa di foie gras, banana caramellata, sorbetto e patate viola
  • Cioccolando
  • Piccola pasticceria












ristorante
© fotografie piatti: roma-gourmet - riproduzione vietata

Se di solito il fumetto si muove verso l’arte, per una volta a venirgli incontro è la cucina. Giuda Ballerino! è infatti l’esclamazione ricorrente del personaggio principale del fumetto horror Dylan Dog ideato da Tiziano Sclavi con i lineamenti di Rupert Everett e il nome del poeta Dylan Thomas, e rivela la passione dello Chef per il mondo degli eroi di carta. I rimandi all’inchiostro che gioca con la carta continuano nel bianco e nero della sala della nuova sede, arredata con bei tavoli candidi sui quali spiccano i segnaposto con le effigi degli eroi delle bandes dessinées, dall’atletico ladro in calzamaglia Diabolik di Angela e Luciana Giussani al fascinoso marinaio Corto Maltese di Hugo Pratt, passando per il divertente e mefistofelico Cattivik di Bonvi (capitato per un simpatico caso a chi scrive). Alle pareti sono esposte a rotazione tavole originali, come le chine della languida Valentina di Crepax (si attendono soggetti virili per portare equilibrio al voluttuoso panorama) e unica concessione al colore sono i fiori e gli eleganti bicchieri in vetro per l’acqua.


Il segnaposto Diabolik orna un tavolo de Il Giuda Ballerino!

Oltre il fumetto e oltre la “divisa” di chi con distaccata sollecitudine serve in sala (jeans, camicia rossa e giacca nera vi ricordano qualcuno?), inizia l’avventura della cucina, molto amata da un pubblico giovane ma non solo, divertito dalle proposte e dagli abbinamenti fantasiosi dello Chef Andrea Fusco che fanno già capolino nei panini aromatizzati con formaggio, pomodoro, olive… una cucina giocosa che rivela l’animo di fanciullo dello Chef e che oltre al palato solletica la vista e il tatto: per esempio i gamberi in pasta fillo vanno battezzati nel bicchierino di spuma di mortadella prima di essere rosicchiati intorno ai bastoncini che li reggono e i fiori di zucca in pastella e in tempura sembrano ninfee galleggianti sul lago di mozzarella di bufala dal quale emergono insieme all’isoletta di squisite alici con turbante di bottarga. I richiami alla cucina romana continuano con la proposta di una zuppa di verdura e pesce. La crema di asparagi con baccalà e spaghetti d’uovo precede, come un preludio delicato, le note più robuste delle pappardelle con animelle e pistacchi e dei tortelli d’asino dalla sfoglia croccante e gonfia come il velo di una monaca felliniana, sparsi sulla salsa di fave e pecorino con colatura di alici, riusciti nella combinazione di sapori e un po’ spiazzanti per la consistenza. La croccantezza si addice invece alla pelle della coscia d’anatra, brunita, ben rosolata e alla quale fanno da squisito contrasto l’arrendevolezza della scaloppa di foie gras e della banana caramellata, con un accompagnamento di patate viola che, seppure non particolarmente saporite, sarebbero piaciute a un appassionato di botanica come Luigi XIV.
Il dolce è un trionfo di cioccolato, presentato in diverse variazioni in un crescendo di golosità nel quale lo Chef non rinuncia a inserire lo scherzetto salato di un broccoletto ricoperto di cacao.
Le periferie di Roma offrono vari indirizzi stuzzicanti e l’unico misfatto sul quale l’indagatore dell’incubo Dylan Dog dovrebbe investigare è il conto del taxi per il quale, dalla stazione Termini a Largo Appio, non bastano 30 euro fra andata e ritorno. Sorge il dubbio che Musa ispiratrice delle auto bianche sia la non lontana Porta Furba il cui nome, secondo la leggenda, deriva dal fatto che nella zona si nascondevano i briganti i quali, uscendo con mossa “furba”, depredavano gli sventurati passanti. Un’accoglienza ben diversa da quella pensata da papa Sisto V che nel 1585 fece costruire a ridosso del suo acquedotto la Fontana di Porta Furba (un mascherone alato che versa acqua in una conchiglia) per dare il benvenuto ai viandanti assetati che si avvicinavano a Roma.
L’unica rivincita se la prende la viandante single: il taxista le rivolge sguardi fra il curioso e il sospetto, preoccupato che la passeggera sia una tenebrosa Eva Kant pronta a derubarlo dell’incasso.

© Maria Luisa Basile – riproduzione vietata

“…leggere un libro delle fiabe distesi sul letto verso mezzanotte e rivisitare la stessa riga finché non se ne capisce più il senso… è in quell’attimo che si può intuire cosa si poteva scrivere, negli spazi non scritti che il poeta ha lasciato tra riga e riga, ed è allora che si può entrare nella leggenda per risvegliarsi in un sogno fatato.” Hugo Pratt, Corto Maltese. Le elvetiche ‘rosa alchemica’

© fotografie piatti: roma-gourmet - riproduzione vietata

L’aperitivo e il segnaposto a forma di Cattivik a Il Giuda Ballerino!

Il pane aromatizzato de Il Giuda Ballerino!

Appetizer vegetariano

Spiedini di gamberi in pasta fillo con spuma di mortadella

Fiori di zucca in tempura e in pastella con ricotta, bottarga e alici su salsa di mozzarella di bufala

Crema di asparagi con baccalà e spaghetti d’uovo

Pappardelle alle animelle, carciofi e pistacchi

Tortelli di asino su salsa di fave e pecorino con colatura di alici

Coscia d’anatra arrosto con scaloppa di foie gras, banana caramellata, sorbetto e patate viola

Cioccolando di Giuda Ballerino!

La piccola pasticceria di Giuda Ballerino!

“Ed è in questa bruma che affetta spazio e tempo che nascono i miti, e i personaggi sciamano per altri testi, si installano come nativi nella nostra memoria come se fossero esistiti da sempre nella memoria dei nostri padri, giovani come Matusalemme e millenari come Peter Pan, talché ci capita spesso di incontrarli anche dove non sono raccontati, e addirittura - almeno tanto è dato ai bambini - nella vita.”
Umberto Eco, Geografia imperfetta di Corto Maltese

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………