Home | About | Filosofia | Contatti

Un valzer con le ostriche

La Rosetta

indirizzo:
Via della Rosetta 8 - 00186 Roma
Quartiere Pigna, Pantheon
Tel. +39 06.68.61.002
+39 06 68.30.88.41
Fax +39 06.68.21.5116
Email: info@larosetta.com
booking@larosetta.com
Sito web: www.larosetta.com
Aperto: mezzogiorno e sera
Giorno di chiusura: domenica sera
Tipo di cucina:
Mediterranea dinamica di pesce
Chef: Massimo Riccioli
Carte di credito accettate: tutte
Tavoli all’aperto: si
Ferie: agosto
Prezzo medio (bevande escluse):
Menu di lavoro a pranzo: E. 35
Menu degustazione cena: E. 180 Domenica: Menu degustazione
"pranzo domenicale"

I giudizi delle Guide:
L’Espresso 2011: 15,5
(2010: 15,5) 1 cappello
Michelin
due forchette
Gambero rosso 2010
81 e 2 forchette (cucina 56
cantina 16 – servizio 8 – bonus 1)

La ricetta dello chef
Rigatoni con cernia bianca,
melanzane e ricotta salata

Piati dal menu
  • Ostriche Belon
  • Piatto di crudi del giorno:

- tartara di tonno con fragoline e lamponi
- scampo, gambero all’aceto balsamico, ricciola, nastri di seppie

  • Antipasti di mare caldi:

- polpo e patate, aragosta con fagiolini
e arance
- triglia e insalatine, fritturina di moscardini con fili di zucchine e foglie di menta

  • Zuppa di moscardini e ceci
  • Rigatoni con cernia bianca, melanzane e ricotta salata
  • Spaghetti con seppioline, aglio, olio, peperoncino
  • Scampi e filetto di dentice
  • Pre dessert: sorbetto al frutto della passione
  • Sfogliata di mele con gelato alla vaniglia
  • Piccola pasticceria

ristorante
Lo chef Massimo Riccioli partecipa all'iniziativa
Assaggi di Teatro

Già Cicerone ingollava ostriche per sviluppare la propria eloquenza, ma fu Luigi XI, nel XV secolo, a trasformare il mollusco ricco di fosforo in alimento obbligato per i suoi luminari per accrescerne l’intelligenza. In seguito da pietanza diventarono aperitivo, tanto che un vecchio maresciallo nell’Ottocento riusciva a trangugiarne un centinaio prima di pranzo, giusto per stimolare l’appetito. Il menu della Rosetta non è da meno e inizia proprio con un valzer di ostriche, le tondeggianti e polpose Belon, servite su ghiaccio frantumato e accompagnate da fettine di pane nero da velare con burro salato e una salsina a base di aceto e scalogno finemente tritato.


Il pescato del giorno

Spento senza rimorso il tormento del mollusco e aiutato il boccone a trovare la sua strada con un sorso di bollicine, si passa alle altre delizie. Tutte a base di pesce freschissimo che, discintamente invitante nell’esposizione all’ingresso del locale, al momento opportuno viene afferrato con gesto deciso e amorevole insieme dallo chef-patron Massimo Riccioli, uno dei migliori cuochi di mare della Capitale.
Affezionato alla sua città ma anche viaggiatore curioso, uomo esuberante e affettuoso, il talento di questo figlio d’arte (furono i genitori a rilevare quella che era solo una bettola alle spalle del Pantheon negli anni Sessanta, proponendo un’inedita cucina di solo pesce con echi della natia Sicilia) è indiscutibile. Immaginate Vulcano nella sua fucina, circondato da vitalità, energia, fuoco e avrete l’immagine di Massimo Riccioli che si muove nella sua ben organizzata cucina a vista con l’agilità di un Nureyev, viziando gli ospiti con ogni genere di delizia marinara e facendo riscoprire sin dalla tavolozza di pesce crudo la ricchezza di colori e profumi del Mediterraneo con tocchi di Oriente e America latina. La banalità qui è bandita e le preparazioni, dalle soavi fritturine di moscardini e zucchine con foglie di menta alle seppioline che con olio, aglio e peperoncino sposano sapidissimi spaghetti sino al pescato del giorno alla griglia, sono cucinate con cotture sapienti che esaltano gusto e fragranza.
Non mancano buoni vini, fra i quali una discreta selezione di bollicine e una scelta non banale anche fra le mezze bottiglie. Le coccole fuori menu riservate agli ospiti cominciano con l’appetizer di benvenuto accompagnato da un calice di champagne e terminano con i sacchetti di biscotti-souvenir (irresistibili i bottoncini al cioccolato). Oltre alla sala, nella bella stagione vengono apparecchiati alcuni tavoli nel vicoletto in fondo al quale con poco sforzo si vede il Pantheon. Ulteriore e non trascurabile merito del locale è di essere aperto anche a mezzogiorno, con un equilibrato menu degustazione che permette di concedersi momenti di pura felicità gastronomica spendendo poco più di 50 euro. Piacere raro in cucine di questo livello.

© Maria Luisa Basile – riproduzione vietata


Un ringraziamento a Massimo Riccioli per le fotografie dei piatti.
“… il pesce, fra le mani di un abile preparatore, può diventare una fonte inesauribile di godimenti del palato.” Anthelme Brillat-Savarin, Fisiologia del gusto

Il ristorante La Rosetta ha partecipato all'edizione  2008-2009 di Assaggi di Teatro interpretando Va' dove ti porta il cuore, Todo modo, Il dubbio, Le invisibili, La rosa tatuata


Crudi del giorno: tartara di tonno con fragoline e lamponi, scampo, gambero all’aceto balsamico, ricciola, foglia di seppie

Polpo e patate, aragosta con fagiolini e arance

Fritturina di moscardini con fili di zucchine con foglie di menta
Zuppa di moscardini e ceci
Rigatoni con cernia bianca, melanzane e ricotta
salata
Spaghetti con seppioline, olio, aglio, peperoncino
Scampi e filetto di dentice
Sorbetto al frutto della passione
Sfogliata di mele con gelato alla vaniglia

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………