Home | About | Filosofia | Contatti

Piazza Duomo – Alba

Piazza Duomo

Indirizzo:
Piazza Risorgimento 4
12051 Alba (CN)
Piemonte
Tel. e Fax +39 0173.366167
Email: info@piazzaduomoalba.it
Sito web: www.piazzaduomoalba.it
Aperto: a pranzo e a cena
Giorni di chiusura: domenica sera e lunedì tutto il giorno
Tipo di cucina:
creativa e del territorio
Chef: Enrico Crippa
Carte di credito accettate: tutte
Tavoli all’aperto: no
Ferie: in agosto e un mese fra dicembre e gennaio
Prezzo medio (bevande escluse):
Menu Tradizione e Innovazione:
8 portate a 90 euro
Menu Evasione e Territorio:
10 portate a 110 euro
Menu Niente Carne:
8 portate a 100 euro
Alla carta: 120 ero
I giudizi delle Guide
L’Espresso 2010
17,5 - 2 cappelli - la piacevolezza - il bicchiere
Michelin 2010
2 stelle Michelin

La ricetta dello chef
21...  31...  forse  41...  forse più tra  Erbe, Fiori, Semi e Foglie

Menu gustato

  • 21...  31...  forse  41...  forse più tra  Erbe, Fiori, Semi e Foglie

  • “Ravioli” di rape… capesante e umeboshi… coriandoli d’oriente

  • Gamberi di Sanremo al naturale… crema d’olio extravergine d’oliva

  • Merluzzo fresco con verdure

  • Come un tonno di coniglio... toni di colore

  • Consommé… di tonno e rape, affumicato all’aringa… fegato grasso, quinoa e castagne

  • Gnocchi di patate... Seirass del fen e foglie di bietola

  • Piccione  di  Sante  arrosto… ai sapori d’inverno

  • Minestrone di frutta e verdura… adesso

  • Dessert: spugna al gusto di nocciola

  • Piccola pasticceria

ristorante

Alba, o Arba come è chiamata in dialetto langarolo, è celebre per la Fiera del tartufo bianco che si svolge in autunno, ma la cittadina merita di essere visitata in ogni stagione dell’anno. La chiesa di S. Domenico dal portale a scacchi bianchi e rossi, le Torri squadrate stagliate sui cieli limpidi o perse fra le nebbie invernali e l’imponente duomo gotico suggeriscono atmosfere medievali suggestive. E alla piazza, ossia al cuore della città, si ispira l'insegna di questo raffinato indirizzo gourmet.

Il palazzo che ospita il ristorante all’esterno è del color dell’uva, in omaggio forse al vino delle Langhe e alla famiglia Ceretto, e all’interno è  chiaro e luminoso, di un tenero rosa vivacizzato da un affresco della vita che percorre pareti e soffitto in un labirinto che stuzzica lo sguardo.
Poi c’è la cucina, quella emozionante di Enrico Crippa, nella quale confluiscono gli insegnamenti di grandi maestri: Gualtiero Marchesi, con la sua passione per l'estetica e la cultura dell’Oriente e Michel Bras,  "maestro di poesia" sensibile alla natura e ai suoi frutti. Ci sono la cucina Kaiseki e il Giappone (dove Crippa ha lavorato alcuni anni, prima a Kobe e poi ad Osaka, respirandone spirito e filosofia) nei finti ravioli di rapa con cuore di cappesante che giocano a mimetizzarsi con la porcellana bianca del piatto punteggiata da coriandoli di aceto di umeboshi, le prugne giapponesi.

Il territorio conquista il piatto con gli gnocchi di Seirass, gli agnolotti ai tre arrosti, il tonno di coniglio che gioca con i colori, il riso al Castelmagno con cioccolato e vino rosso e poi con le carni pregiate, dal guanciale di bue grasso brasato al Barolo al piccione di Sante arrosto. C’è uno spleen d’Oriente nel Consommé di tonno e rape, affumicato all’aringa con fegato grasso, quinoa e castagne. L’amore per la natura diventa un trionfo nell’insalata botticelliana di 21, 31, 41 o più fra erbe, fiori, semi, foglie che lo chef coltiva o raccoglie nei prati e sulle colline che ama conquistare a colpi di pedale.

Di grande classe infine i dolci, piccole opere di scultura golosa come la spugna al sapore di nocciola tonda gentile o il soufflé di cioccolato con cuore di bonet. Mentre la frutta e i fiori regalati dalle stagioni diventano i tasselli che formano coloratissimi mosaici-minestroni,  di foggia e sapore sempre diversi, a seconda del periodo dell’anno.
La carta dei vini è all’altezza del locale e rappresentativa del territorio che lo ospita, con interessanti proposte anche al calice.

"Quando vi impegnate nell'arte della cucina, non dedicate alle cose comuni uno sguardo comune, sentimenti e pensieri comuni. Con quella foglia di verdura che rigirate fra le dita, costruite una splendida dimora di Buddha e consentite a questo infimo granello di polvere di proclamare la propria Legge." Dogen Zenji, Istruzioni a un cuoco zen




Wafer al nero Piemonte e gelato alla violetta
Merluzzo... Sale... Verde d'erbe a mare

L'insalata 21...  31...  forse  41...  forse più tra  Erbe, Fiori, Semi e Foglie

L'affresco della vita decora la sala dipinta di rosa

“Ravioli” di rape… cappesante e umeboshi… coriandoli d’oriente
Gamberi rossi di Sanremo
Consommé… di tonno e rape, affumicato all’aringa, fegato grasso, quinoa e castagne
Lo chef Enrico Crippa
Il piccione  di  Sante  arrosto… ai sapori d’inverno
Minestrone di frutta e fiori... adesso
Dolce spugna al gusto di nocciola

 
 

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………