Home | About | Filosofia | Contatti

Gruppo di famiglia in un (esquilino) interno

Agata e Romeo

Indirizzo: Via Carlo Alberto 45 00185 - Roma Quartiere Esquilino Tel. +39 06. 446 6115 Fax +39 06. 446 5842 Email: ristorante@agataeromeo.it Sito web: www.agataeromeo.it Aperto: mezzogiorno e sera Giorni di chiusura: domenica; sabato a pranzo; lunedì a pranzo Tipo di cucina: creativa e del territorio Chef: Agata Parisella Maitre e Patron: Romeo Caraccio Carte di credito accettate: tutte Tavoli all’aperto: no Ferie: agosto e 10 giorni a gennaio (fino al 18) Prezzo medio (bevande escluse): Menu degustazione ‘Agata e Romeo’ con vini in abbinamento: E. 160 Menu degustazione Tradizionale: E. 110 Alla carta: E. 130

I giudizi delle Guide: L’Espresso 2011: 15,5 (2010: 16) 1 cappello – il bicchiere Michelin 2011 3 forchette e 1 stella Un'ottima tavola nella sua categoria Gambero rosso 2010 79 e 2 forchette (cucina 54 cantina 17 – servizio 8 ambiente 8 – bonus 0) Segnalato da Identità golose Fa parte di JRE

La ricetta dello chef Capesante alla pancetta con salsa di porri Capesante Piatti dal menu
  • Pre appetizer: tortino di patate e soufflè di parmigiano
  • Appetizer: mousse di funghi porcini e chiodini con pane tostato
  • Pane: sfoglie croccanti aromatizzate, grissini, muffin al formaggio, panino ai fiori di zucca, pane bianco e integrale
  • Capesante avvolte nella pancetta con salsa di porri
  • Salmone selvatico con panna acida, uova di salmone, erba cipollina
  • Passata di fagioli Zolfini con salvia, pane e dadolini di scampo
  • Ravioli di clorofilla di basilico farciti con pappa al pomodoro
  • Rombo chiodato con salsa di rucola al pernod e rucola
  • Formaggi: chèvre, taleggio, pecorino allo zafferano, gorgonzola, pane nero, mostarda di zucca e miele
  • Pre dessert: tiramisu
  • Fagottino di sfoglia ripieno al fico, tartelletta con gelato ai fichi e fico caramellato
... Il ristorante Agata e Romeo ha interpretato in cucina per Assaggi di Teatro le opere Il Vangelo secondo Pilato, La pelle, Casa di bambola, Marlene
Il ristorante Agata e Romeo ha chiuso nel 2016. Era nato alla fine dell'800 e vi cenarono i Clinton, Sophia Loren, Bill Gates.
ristorante

Per chi ama l’opera di Carlo Emilio Gadda è irrinunciabile un pellegrinaggio nel quartiere Esquilino, al civico 219 di via Merulana, l’indirizzo del “palazzo dell’Oro” dove si consuma il delitto narrato nel romanzo “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana”. Tutte le strade intorno, popolate di vetrine  di prodotti made in China, botteghe artigiane e studi d’artista, evocano, nei nomi e nelle architetture, lo stile umbertino. E se piemontese è il nome della via dedicata a Carlo Alberto su cui si affaccia il ristorante Agata e Romeo, di origini campane è invece la famiglia di Agata Parisella, moderna e creativa protagonista della cucina capitolina.

Dolce di anguria e "semini" di cioccolato

Trattoria ai tempi dei genitori di Agata, il ristorante è oggi punto di riferimento per i gourmet della Capitale che trovano tranquillità e attenzione a ogni particolare: il calore del legno e il gioco degli specchi fanno da cornice alle belle apparecchiature dei tavoli ben distanziati all’interno dei due eleganti ambienti vivacizzati dalla collezione di teiere di Agata, portate anche in tavola per servire tisane e tè. In sala Romeo Caraccio è una presenza discreta ma pronta ad accendersi se sollecitata con ragionamenti sui prodotti o sui vini dei quali è un grande cultore, come la spettacolare cantina – fra le più ricche d’Italia - dimostra. Il personale gentile e preparato fa sentire l’ospite subito bene accolto con un aperitivo accompagnato da tortino di patate e sufflè al parmigiano, seguito da una mousse di funghi porcini e chiodini e un assortimento di pani sfornati in casa serviti caldi e insaporiti con gusti di stagione, dal panino con fiori di zucca al muffin al formaggio passando per gli esili grissini e le sfoglie croccanti. Il benvenuto predispone il gourmet a vivere un’esperienza ricca di colori, sapori e profumi, nella quale si usa il senso della vista per arrivare a quello del palato. Naturale effetto del talento e della mano sicura di Agata, chiamata a preparare ricevimenti a Villa Madama e Palazzo Chigi, appassionata d’arte e di nature morte fiamminghe. Quadri dove forma e contenuto sono strettamente legati e i cibi rappresentati sono un invito a gustare l’aspetto esteriore per cogliere la piacevole intensità del sapore nascosto. Agata fa rinascere le antiche pitture che tanto ama attraverso la sensibilità con la quale assembla ingredienti cercati freschi nei viaggi compiuti in ogni stagione nelle varie regioni d’Italia e la raffinatezza che caratterizza la presentazione dei piatti. Seppure legata alla cucina tradizionale, i viaggi in Europa, Giappone e Stati Uniti le hanno permesso di conoscere ingredienti, spezie e tecniche che ha studiato e assimilato, in una rielaborazione colta e personalissima. Ne sono esempi le capesante che la pancetta avvolge senza sopraffare accostate a una delicata salsa di porri, perfette per l’equilibrio di sapori e per una presentazione che ricorda due sorelle teneramente abbracciate o il fragrante salmone selvatico servito con panna acida e uova di salmone, con una nota orientale e severa di alghe e soia. Prima del girotondo colorato di ravioli di clorofilla di basilico con un gustoso cuore di pappa al pomodoro, il palato viene accarezzato dalla passata di fagioli Zolfini e dadolini di scampo insaporita da un olio strepitoso (un Santa Illuminata 2006 di Massa Martana in Umbria), quasi a ricordare che Agata sull’olio ha scritto un libro. Piccione, rombo chiodato o le cinque variazioni del baccalà islandese, precedono l’arrivo del carrello dei formaggi serviti con miele, mostarda di zucca e una fetta di pane insaporito con frutta secca. Non facile la scelta dei dolci, dall’ormai classico Millefoglie ai dessert preparati con frutta di stagione, come il tortino di pere e castagne o il fagottino di sfoglia ripieno al fico, accompagnato dal frutto caramellato. Usciti dal portoncino verde al termine della cena, stupirà vedere il quartiere con occhi diversi, con lo sguardo di Agata bambina che percorreva le stesse vie per andare a scuola e al ritorno scappava nella cucina dell’Hostaria dei genitori, già curiosa di tutto.

© Maria Luisa Basile – riproduzione vietata

“… piace immaginare vicini il pittore che compone sulla tela il quadro, mescolando i colori che sono gli ingredienti della sua opera, e il cuoco che utilizza i vari componenti del futuro piatto di portata, per il loro valore di gusto e profumo, mescolandoli e distribuendoli poi sul piatto come su di una ricca tavolozza” Giovanni Trapani, La pittura in cucina
Fare click sulle foto per visualizzare l'immagine intera dei piatti
Fotografie di Roma gourmet. Vietata la riproduzione.

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………