Home | About | Filosofia | Contatti

Baby dell’Hotel Aldrovandi

Baby - Hotel Aldrovandi
Indirizzo:
Via Ulisse Aldrovandi 15
00197 Roma
Parioli
Tel. +39 06.3223993
Fax +39 06.3221435
Email: baby@aldrovandi.com
Sito web: www.aldrovandi.com
Aperto: sempre
Giorno di chiusura: lunedì
Tipo di cucina: Mediterranea
e creativa
Chef: ...
Sous Chef: ...

Maitre: Stefano Middei
Sommelier:
Stefano Middei
Carte di credito accettate: tutte
Tavoli all’aperto: si
Ferie:
2 settimane a gennaio (dopo il 6)
Prezzo medio (bevande escluse):
Menu Degustazione 6 portate:
E. 115
Alla carta: E. 100

I giudizi delle Guide:
L’Espresso 2010
15 e 1 cappello
Gambero rosso 2010
80 e 2 forchette (cucina 56
cantina 14 – servizio 9
ambiente 9 - bonus 1)
Segnalato da Identità golose
Fa parte de Le Soste

La ricetta dello chef
Vesuvio di rigatoni di Alfonso Iaccarino

Piatti dal menu

  • Pesce spada affumicato con cannella e insalatina di puntarelle ai grani di mostarda
  • Passata di cicerchie con capesante e spezie del viaggio in Oriente
  • Carciofo variazione…

...con mozzarella
...alla Giudia
...in tempura con salsa
...di mentuccia e acciuga

  • Zeppola di astice
  • Asparagi bianchi, verdi e selvatici, variazione con salse di limone, menta, peperone
  • Paccheri di Gragnano con cacio pepe e scorfano
  • Cappelli di germano reale e tartufo
  • Sella di agnello al profumo di origano di Punta Campanella
  • Sfogliatella napoletana con salsa di lamponi e gelato alla vaniglia
  • Piccola pasticceria: babà, krafen e crema pasticcera, sfogliatella, gelatine di frutta

  • Nudo di ricotta, scorfano e scorza di limone
  • Soffiato di pastiera con gelato
ristorante

Alfonso Livia ed Ernesto Iaccarino sono stati Chef del Baby dal 2005 al 2009
Nell’antichità si cercava nei banchetti un piacere particolare definito terpeni, termine con cui si indicava il rilassarsi dopo lo sforzo della sazietà e della soddisfazione procurata dalla bontà dei cibi, dal calore del fuoco, dalla leggera ebbrezza del vino. Accomunare calore, benessere e buoni sapori sembra essere la moderna missione della famiglia Iaccarino che, con l’impegno corale di Alfonso, Livia e dei figli, ha portato i sapori e i profumi del Mediterraneo sulle tavole romane del Baby.


La tartara di aragosta con puntarelle
La forza della cucina è nella leggerezza e modernità delle tecniche e nella qualità dei prodotti di orto e mare che attraversano i piatti componendo un menu meditato e attento al benessere, dove il gioco dei sapori del Mediterraneo e degli accostamenti sa coniugare radici profonde e una continua evoluzione. Molti degli ingredienti provengono dall’azienda agricola che la famiglia Iaccarino conduce sul promontorio di Punta Campanella in Campania come un laboratorio en plain air, con il proposito di recuperare antiche varietà di frutta e verdura e nella convinzione che il futuro della cucina inizi da qui, dalla riscoperta della ricchezza e delle varietà del passato.
Suggestioni di limoni, ulivi, viti e ortaggi sono suggerite sin dall’arrivo in tavola dell’ampolla d’olio di propria produzione che va ad arricchire i diversi tipi di pane offerti da un generoso cestino: bianco, integrale, focaccia con pomodoro e grissini con i quali predisporsi a un divertente viaggio nei sapori della Costiera senza muoversi da Roma.
La passione e l’inventiva, spontanee e ragionate insieme, si riflettono nell’allegra variazione di verdure di stagione che vanno dal carciofo, gioiosamente declinato in tempura, con mozzarella e alla romana (da encomio), al tris di asparago che, bianco del Nord est grigliato, romano in pastella o selvatico in insalata, apre il palato e l’appetito e ribadisce l’amore di Alfonso Iaccarino per le macchie di colore, naturali e forti.
I piatti a controllato regime calorico continuano con il pesce spada affumicato contrastato da un’insolita nota speziata di cannella e accostato a un’insalatina di puntarelle e grani di mostarda e le passate di legumi abbinati al pesce, come le cicerchie con cappesante e spezie, in curioso equilibrio fra Mediterraneo e Oriente. Il viaggio in mare prosegue con i paccheri di Gragnano con Scrofano, cacio e pepe o gli spaghetti da sposare a caviale e ostriche.
Dal mare alla terra lo sbarco è reso facile dall’assaggio dei sapori decisi dell'agnello al profumo di origano di Punta Campanella o del maialino laccato con soffritto e salsiccia. Quando il sipario si apre sui dolci, la scena è dominata dalla perfetta sfogliatella napoletana, preceduta da sorbetti e seguita da sferiche golosità in miniatura.
La carta dei vini propone molte etichette campane, fra le quali può essere divertente lasciarsi guidare dal preparato sommelier.
Il servizio, curato e attento, sa accudire gli ospiti con sorrisi e coccole e l’ambiente moderno del ristorante, niveo e arioso, si stempera nel verde del giardino che nelle giornate di vento improvvisa una scenografica danza che porta movimento, luce e colore nelle sale.

© Maria Luisa Basile – riproduzione vietata

“Il signore vuole scherzare. Il signore sa bene che senza un certificato dell’Istituto Nazionale Assicurazioni Malattie non si possono servire pasti di più di tremila calorie, e quel che ha ordinato lei sarà sulle seimila.” Cidrolin aveva pur visto delle cifre sul menu vicino a ogni piatto, ma credeva fosse il prezzo…
Raymond Queneau nella traduzione di Italo Calvino, I fiori blu

La famiglia Iaccarino e il ristorante Baby hanno partecipato dal 2008 al 2009 ad Assaggi di Teatro interpretando Lillipupa di Antonio Calenda. Magic People Show di G. Montesano, Masaniello di Tato Russo, Sogno di una notte di mezza estate e Il Mercante di Venezia di William Shakespeare, I ponti di Madison County di Lorenzo Salveti

Fare click sulle foto per visualizzare l'immagine intera dei piatti ideati dalla famiglia Iaccarino e da Vincenzo Castaldo per il Baby fino al 2009
© roma-gourmet

Fotografie di Roma gourmet. Vietata la riproduzione.

 
 

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………