Home | About | Filosofia | Contatti

Ricette degli chef – Carne

Vitella al coltello con gelato di acciuga
salsa all’uovo e nocciola di Langa

piatto dello Chef Stefano Gallo per il ristorante La Barrique – Torino

dedicato al Misantropo di Molière per “Assaggi di Teatro

Fotografie di Brillante-Severina © Roma gourmet

Procedimento per il gelato di acciuga
Preparare uno sciroppo con l’acqua e 35 gr di glucosio.
Bollire 75 gr di panna con il latte, unirvi i 2 tuorli e lo stabilizzante.
Portare a 85° C e lasciare raffreddare dopo aver passato al setaccio.
Nel frattempo frullare le acciughe con l’olio extravergine e la panna restante; passare al setaccio, unire agli altri due composti e lasciate mantecare.

Ingredienti per 4 persone
75 gr acqua; 35 gr glucosio; 105 gr panna; 75 gr latte; 2 tuorli; 3 gr stabilizzante; 25 gr acciughe; 20 gr olio extravergine d’oliva

Procedimento per la salsa all’uovo
Emulsionare come se fosse una maionese i tuorli con un filo di olio, un pizzico di sale e qualche goccio di aceto e acqua.

Ingredienti
2 tuorli; aceto di vino bianco; olio extravergine d’oliva; sale

Procedimento per la carne
Tagliare la carne, condirla con sale, pepe e olio e sfregarla con l’aglio.

Ingredienti
400 gr di coscia di vitello di circa 12 mesi;
olio extravergine d’oliva; sale; pepe; 1 spicchio d’aglio

Presentazione del piatto
Con l’aiuto di un coppapasta disporre la carne al centro del piatto, napparla leggermente con la salsa all’uovo e aggiungere le nocciole a pezzetti. Infine adagiare sopra la carne una piccola pallina di gelato.

Ingredienti
80 gr nocciole di Langa tostate e sbucciate

Testo raccolto da Maria Luisa Basile

< Ricetta scaricabile in PDF con il vino in abbinamento

Vino [abbinamento proposto dall’Enoteca Regionale dei vini della provincia di Torino]








Erbaluce di Caluso DOC 2006
Vino dal colore giallo paglierino brillante, ben strutturato e al quale il passaggio in botte regala un gradevole profumo di vaniglia e frutta matura che esalta i sapori dell’acciuga e delle nocciole.
Aforisma di vino: “Vendemmia e processione / di pampini corone, visi accesi / danzanti folli per la dolce via…” Keats

Tracce di vino Nell’abbinamento cibo vino occorre che il momento del cibo e quello del vino non si sovrappongano. In bocca devono entrare separatamente: prima il boccone e poi il vino …continua

Ricette dello Chef Stefano Gallo su Roma gourmet

Fotografia piatto © roma-gourmet

 
 

……………………………………

Sostieni Roma gourmet, anche con 1 euro.
Grazie!
 

……………………………………

Salvo dove diversamente indicato, testi e fotografie sono di Roma-gourmet ©

……………………………………

Assaggi di Teatro

Cucina creativa e Teatro

……………………………………

Affinità elettive

L’Arte incontra la Cucina d’autore

……………………………………

Sguardi

Storie d’erranza

……………………………………

Aforismi gourmand

*Se t’inganno, prego el
cielo de perdere quello
che gh’ho più caro:
l’appetito.
* Arlecchino
servitor di due padroni

……………………………………

Lo chef e la Luna

……………………………………

Puntarelle tempestose

Roma gourmet non acquista nè consuma alcun alimento o bevanda la cui pubblicità strumentalizza il corpo nudo delle donne, offendendone la dignità

……………………………………

I carciofi di Caravaggio

Viaggio gourmet
fra vita e opere
di Michelangelo
Merisi
detto
Caravaggio

……………………………………

Take (me) away

Brillante-Severina. Memorie tragi-comiche di una gourmet per bene

……………………………………

Shop Roma gurmet

……………………………………

Italia gourmet

I migliori
ristoranti d’ITALIA
nei giudizi delle
Guide

……………………………………

Pensiero di Vino

il vino mantiene
l’impronta del
legno in cui è
invecchiato

……………………………………

Scaffale gourmet

il piacere
del testo gourmet

……………………………………

Piccoli musei

piccoli musei
grandi emozioni

 

……………………………………………

Le guide consigliano

I migliori ristoranti di Roma secondo le Guide recensiti con parole e immagini da Roma gourmet
Agata e Romeo
All’oro
Giuda Ballerino
Glass Hostaria
Il Convivio Troiani
Il Pagliaccio
Imago Hotel Hassler
La Pergola Hotel Cavalieri Hilton
Oliver Glowig
Open Colonna
Pipero al Rex

……………………………………………

Chef’s anatomy

interviste a *cuochi
e cuoche*

……………………………………………